Untc “Tips&Tricks” 10.02.2021

Untc “Tips&Tricks” 10.02.2021

Consigli ed info dall’associazione

Novità in arrivo dal 1° Luglio 2021 per nuovi contratti e volture

Vediamo cosa accadrà dal primo di Luglio di questo anno, quando per la prima volta ci saranno delle importanti novità sia sulla sottoscrizione che sulla voltura dei contratti luce e gas.

Novità in arrivo dal 1° luglio per la fornitura di elettricità: si potrà effettuare simultaneamente la voltura, vale a dire la variazione della titolarità di una fornitura da un cliente a un altro con lo stesso venditore, e il cambio fornitore. A stabilirlo è l’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera) che, con il documento di consultazione 586/2020 (le osservazioni potranno pervenire entro il prossimo 25 gennaio), ha messo nero su bianco i propri orientamenti per consentire ai clienti finali di poter effettuare una voltura contrattuale con contestuale cambio del fornitore nel mercato dell’energia elettrica. Gli interventi dell’Authority mirano a superare i limiti della regolazione esistente che prevede la necessità di richiedere la voltura – in prima istanza – al venditore del cliente uscente.

I vincoli dell’attuale regolamentazione

Ma cosa succede attualmente? Il cliente finale può sottoscrivere un contratto di fornitura con una controparte commerciale diversa da quella associata al punto di prelievo solo nel caso in cui l’operatore dal quale dipende la fornitura di elettricità abbia rifiutato la richiesta di voltura avanzata dal cliente stesso. L’orientamento dell’Autorità è di prevedere che un cliente finale (avente diritto di richiedere la voltura) possa già in prima istanza sottoscrivere un contratto di fornitura con una controparte commerciale diversa da quella associata al punto di prelievo (senza cioè dover prima presentare la richiesta alla controparte commerciale associata al punto di prelievo).

L’obiettivo dell’Authority

L’obiettivo, quindi, è di prevedere una sola modalità di presentazione della richiesta di voltura da parte del cliente finale sia che venga rivolta all’operatore preesistente sia che venga destinata a un venditore diverso. Quanto agli operatori e al Sistema Informativo Integrato (Sii), una volta ricevuta la richiesta di voltura da parte del cliente finale, la gestione del processo si articolerà secondo modalità alternative in base al tipo di attivazione contrattuale. L’esecuzione del processo di voltura dovrà comunque avvenire entro 4 giorni lavorativi dalla richiesta effettuata dal cliente finale.

I tempi della voltura

La decorrenza della voltura sarà pari, invece, a 2 giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione di attivazione contrattuale da parte del Sii che entro un giorno lavorativo verifica il rispetto di specifiche condizioni ed entro il giorno lavorativo successivo notifica a tutti i soggetti interessati l’esecuzione dell’attivazione contrattuale (inclusa l’impresa distributrice affinché proceda alle attività funzionali alla raccolta e messa disposizione dei dati di misura).

Il nodo della morosità del cliente precedente

Nel documento, l’Autorità sottolinea però la problematicità del caso in cui si registri una morosità del cliente finale preesistente: la controparte commerciale, scrive infatti l’Arera, «potrebbe verosimilmente incontrare maggiori difficoltà nella gestione del recupero dei crediti maturati nei confronti del cliente, non potendo valutare un’eventuale relazione tra il cliente nuovo e il preesistente al fine di attuare eventuali azioni di recupero crediti, fermo restando il principio secondo il quale eventuali debiti del precedente cliente non possano essere attribuiti al nuovo cliente».

Fonte: Il Sole 24 Ore


Accedi GRATIS al Gruppo di Acquisto

Inserisci qui le credenziali che ti sono state inviate per e-mail, una volta effettuata la registrazione.